‘Troppi contagi tra i 14-19 anni’, lo studio con cui Fontana giustifica la didattica a distanza

da Benedetta Maffioli
45 visualizzazioni

Troppi contagiati tra i 14 e i 19 anni: è questo il risultato del recente studio che ha convinto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, a posticipare ulteriormente almeno fino al 25 di gennaio la riapertura delle scuole superiori. 

Lo ha detto lo stesso Fontana che ha evidenziato come nell’indagine, portata a termine dall’Associazione italiana di epidemiologia e che ha fotografato l’incidenza del virus per classi di età, in Lombardia vi sia, più che in altre regioni, un’impennata dei contagi nelle fasce di età tra i 14 e i 18 anni, e tra i 19 e i 24 anni, proprio all’inizio della seconda ondata a metà di ottobre, curva che viene interrotta, alla fine del mese, con l’inizio delle prime restrizioni e l’introduzione della didattica a distanza per licei ed istituti tecnici. 

“Una recente indagine svolta in Lombardia – ha commentato così il presidente di regione Lombardia – ha evidenziato come ci sia un’alta percentuale di infettati nella fascia che va dai 14  ai 19. Sono persone pauci sintomatiche o asintomatiche che però possono contribuire a diffondere il virus”. 

Ha poi aggiunto Fontana: “Io e i miei colleghi governatori siamo assolutamente convinti della necessità che la scuola si svolga in presenza, ma tuttavia non possiamo negare le risultanze che emergono dai numeri e dalle preoccupazioni che tutti i nostri medici e scienziati evidenziano”. 

Per quanto riguarda i più piccoli in età scolare, che frequentano asili ed elementari, secondo lo studio, invece, le curve di contagio sono le più basse di tutte le altre. 

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com