Variante inglese riscontrata anche a Casorate Primo

da Mario Fortunato
14 visualizzazioni

Non solo Mede, finita in zona rossa ormai da giorni: la variante inglese è stata trovata anche a Casorate Primo. E’ il frutto dello screening di massa effettuato su studenti, personale docente ed amministrativo delle scuole del paese la scorsa settimana. Una fotografia sull’andamento dei contagi che si è resa necessaria dopo il repentino aumento dei casi di positività nell’ambiente scolastico.

La mutazione del virus è stata infatti osservata grazie ai tamponi richiesti dall’Ats di Pavia e realizzati dal policlinico San Matteo. E così come e Mede, sigillata dal governatore Fontana con un’ordinanza regionale, anche a Casorate Primo sono state registrate tracce della variante inglese. Si tratta, ad oggi, delle uniche due realtà della provincia di Pavia coinvolte.

A Siziano e Vellezzo Bellini, nel pavese, e a Cassolnovo, in Lomellina, gli esami condotti non hanno riscontrato, fortunatamente, la tanto allarmante mutazione. I dati, ad ogni modo, secondo le autorità sanitarie, vanno prese con le molle: analizzare nel dettaglio i tamponi a tappeto effettuati è praticamente impossibile visto che l’unico laboratorio deputato a questo tipo di verifiche è quello di virologia del Policlinico San Matteo.

Lo studio delle varianti risulta però fondamentale per contenere i contagi ed evitare nuove zone rosse in provincia. In tale ottica dovrebbero essere individuati a breve  nuovi laboratori capaci di fornire un aiuto efficace.

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com