Pavia, allarme smog: il Pm10 torna a crescere

by Mario Fortunato
0 comment

Il cielo terso ed il caldo insolito di questi giorni stridono con l’allarme per lo stato di salute dell’aria. L’apparenza, come spesso accade, inganna e a dispetto delle belle giornate la situazione è tutt’altro che rosea. Dall’ultimo weekend infatti la qualità dell’aria a Pavia sta di nuovo peggiorando e la criticità resta gialla.

I blocchi del traffico delle scorse settimane sono stati solo un palliativo ad una problematica che necessiterebbe di interventi più strutturali. La piccola tregua fornita dal forte vento., che ha spazzato via lo smog, è già finita ed i livelli del Pm 10 sono in rapida risalita. Le ultime rilevazioni di Arpa, di inizio settimana, riportano valori medi più alti già dallo scorso weekend con il picco toccato domenica con 76 microgrammi per metro cubo, ben oltre quindi la soglia limite fissata in 50 microgrammi.

Già da sabato però i valori erano iniziati a salire sforando, seppur di poco, il tetto massimo consentito. Lunedì invece la media giornaliera è stata di 69, ovvero all’interno della fascia rossa, quella critica. Un netto e rapido peggioramento se si pensa che appena una settimana fa si erano registrati i livelli più bassi dall’inizio dell’anno, a punto che sia il Comune di Pavia che quelli dell’hinterland avevano deciso di revocare le misure di primo livello: nello specifico le limitazioni al traffico, al riscaldamento domestico e allo spandimento di liquami in agricoltura. Provvedimenti che, almeno per il momento, resteranno nel cassetto. Ma se il trend dovesse restare in linea con quello degli ultimi giorni, sarà scontata l’adozione, di nuovo, delle misure di primo livello.

Leggi anche