Viaggio alla Ronda della Carità: il volontariato durante il lockdown

da Giusy Chiricò
22 visualizzazioni

Viaggio all’interno della realtà della Ronda della Carità, organizzazione di volontariato che da anni è sul fronte milanese per aiutare i più poveri: attraverso un pasto caldo, attraverso una chiacchierata e anche con tante attività all’interno del centro diurno della Ronda.

Il lockdown ha messo in ginocchio tante famiglie e persone che di punto in bianco si sono ritrovate senza un lavoro, senza un posto dove dormire, senza un amico. Per questo l’associazione, nei mesi più bui, si è presa cura di loro.

DAVIDE PISU – Coordinatore Centro diurno Ronda della Carità

La necessità di cibo oltre che di ascolto, nei mesi di lockdown è stata fondamentale. Per questo gli assistenti sociali si sono messi a lavoro per fornire alle persone più fragili l’assistenza necessaria.

MARZIA LA SCALA – Assistente sociale Ronda della Carità

Il presidente della Ronda, Maddalena Baietta, per gli amici Magda, ripercorre insieme a noi i tragici momenti delle persone che hanno avuto gravi difficoltà durante il lockdown.

MADDALENA BAIETTA – Presidente Ronda della Carità

Leggi anche