Povertà, dal Fondo San Giuseppe di Diocesi e Comune 5 milioni di euro a 2.500 famiglie

da Giovanni Migone De Amicis
61 visualizzazioni

Cinque milioni di euro distribuiti a 2.500 nuclei famiglie in difficoltà per la crisi sanitaria. È il bilancio del Fondo San Giuseppe, istituito un anno fa dalla Diocesi e dal Comune di Milano. Ma è anche una spia allarmante dell’emergenza povertà, che continua a crescere sospinta dalla pandemia.

A presentare il bilancio del primo anno del Fondo è stato Luciano Gualzetti, direttore della Caritas Ambrosiana a cui è affidata la gestione delle risorse, nel corso di una conferenza stampa con l’arcivescovo di Milano, Monsignor Mario Delpini, e il sindaco Giuseppe Sala.

Dal bilancio emerge quindi che il maggior numero di richieste di aiuto arrivano da Milano, con 1032 domande accolte e poco più di 2 milioni di euro distribuiti, mentre i restanti 3 milioni sono stati distribuiti nelle altre aree della diocesi, da Varese a Lecco, da Monza a Rho. Grazie alle donazioni di privati e di altri enti istituzionali, la dotazione del fondo ha raccolto ad oggi 8milioni e 350mila euro, oltre metà dei quali è stata distribuita.

Più della metà dei richiedenti sono uomini e la fascia di età più rappresentata è quella tra i 35 e i 44 anni. Aumenta la quota di stranieri che bussano al Fondo San Giuseppe, che passa dal 52 al 58%, Per quanto riguarda l’occupazione dei richiedenti, più di un terzo sono operatori della ristorazione, il 12% è, o era, nel settore del turismo. Sono invece quasi il 40% i cassintegrati e sospesi

E proprio il tema del lavoro resta al centro dei pensieri del sindaco Sala.

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com