Movida, il caso di corso Garibaldi scatena la polemica politica

da Giovanni Migone De Amicis
84 visualizzazioni

Continua a tenere banco il tema della movida a Milano, dopo gli episodi di risse degli ultimi weekend e, soprattutto, il caso dei locali di Corso Garibaldi e Largo La Foppa, dove 14 esercenti si sono visti piombare addosso un’ordinanza comunale, dettata da un provvedimento del Tar, che impone lo stop alla vendita da asporto alle 22 e, soprattutto il divieto di servire ai tavoli dalla mezzanotte in avanti.

Un provvedimento che ovviamente frustra le speranze dei bar notturni, ora che si cominciava ad assaporare la fine del coprifuoco, prevista, ad oggi, il prossimo 21 giugno.

Alla base della decisione del TAR, ci sono le continue lamentele dei residenti della zona per l’insopportabile inquinamento acustico. I gestori dei bar hanno però annunciato che impugneranno l’ordinanza del Comune.

Il tema della movida sarà l’argomento di punta in prefettura al prossimo Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza ed è lecito aspettarsi una stretta su controlli e attività delle forze dell’ordine. Ma tra le fila della politica milanese la polemica è già partita, con i rappresentanti del Centrodestra che attaccano direttamente l’Amministrazione comunale.

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com