Milano, infastidito dal fumo della griglia spara e uccide il vicino di casa

da Benedetta Maffioli
251 visualizzazioni

Infastidito dal fumo della griglia spara e uccide il vicino di casa. È successo a Milano, nelle palazzine Aler di via Ovada 3, zona Barona, dove un uomo di 72 anni, Rocco Sallicandro, pensionato incensurato, di origine calabresi, ha esploso due colpi di pistola contro il vicino Francesco Spadone, di 34 anni, che è morto poco dopo l’arrivo all’ospedale San Paolo. 

Secondo una prima ricostruzione dei Carabinieri, il motivo della lite sarebbe stato il barbecue organizzato in cortile dalla vittima con alcuni amici, il 72 infastidito da fumo e schiamazzi sarebbe così sceso dalle scale dal suo appartamento fino al cortile dove stavano facendo il barbecue e con una pistola calibro 9 avrebbe sparato due colpi in aria. Subito il gruppo di giovani, insieme alla vittima, si avventano contro l’uomo per cercare di disarmarlo, ma è allora che il 72enne, probabilmente da terra, fa esplodere almeno altri due colpi, ferendo fatalmente il 34 enne all’addome. 

Accortisi solo in un secondo momento della gravità dell’amico il gruppo continua ad avventarsi contro il pensionato, che viene preso a pugni, calci e pestato violentemente tanto che è stato trasportato in codice giallo all’Humanitas di Rozzano dove ora si trova piantonato in stato di arresto per omicidio, dopo aver confessato con poche parole “SI sono stato io”. 

Secondo i vicini il 72 enne che viveva al 4 piano della palazzina Aler, aveva problemi psichici ed era un accumulatore seriale, anche se non aveva alcun precedente giudiziario. 

La vittima invece, era già nota alle forze dell’ordine, l’ultimo episodio a giugno quando aveva aggredito un tunisino. L’uomo viveva nella stessa scala del 72 enne, però, al primo piano con i suoi tre figli piccoli e lavora di notte al mercato del pesce. 

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com