Milano, arrestato estremista islamico italiano che spingeva i giovani alla jihad

da Benedetta Maffioli
56 visualizzazioni

Pubblicava sulla sua pagina Facebook da 2 mila seguaci immagini e documenti audio/video di esaltazione delle azioni violente dei jihadisti, istigando i suoi interlocutori, soprattutto giovani e soggetti più fragili, ad un unirsi alla  guerra santa contro i miscredenti ed infedeli occidentali. 

È Nicola Ferrara, italiano 38enne nato a Canosa di Puglia ma residente da anni a Milano, radicalizzato dell’Isis, arrestato oggi dai Carabinieri del Ros di Milano per istigazione a delinquere aggravata dalle finalità di terrorismo internazionale e dall’uso del mezzo telematico. 

Immagini di martiri morti per la jihad, foto di bambini uccisi dai bombardamenti o nei combattimenti dagli occidentali, preghiere che incitavano al farsi esplodere in nome di Allah, messaggi di odio feroce contro gli occidentali e contro gli ebrei.. erano questi i contenuti multimediali che Issa Ferrara, così era il nome da convertito, dal 2015 condivideva sui social come Facebook e sound cloud per adescare le fasce di popolazione mondiale maggiormente influenzabili.

L’indagine ha, però, inizio a febbraio del 2018, quando per la prima volta i Carabinieri del Ros si accorgono di Issa Ferrara, noto personaggio e figura di assoluto rilievo all’interno del centro di preghiera islamica di via Carissimi.

Lì Ferrara viene più volte visto dagli agenti, dopo le funzioni, scambiare numerose conversazioni con giovani anche minorenni. Da lì attraverso una serie di intercettazioni e dall’analisi dei profili social si è scoperto l’attività criminosa del radicalizzatore, che si svolgeva prevalentemente sul web. 

Durante l’arresto di questa mattina, sono stati inoltre, sequestrati 10 telefonini, un tablet, dei computer e diversi hard disc, che permetteranno agli inquirenti di svolgere un’investigazione ancora più approfondita per ricostruire con precisione le dinamiche con cui Ferrara si  impegnava nel diffondere il credo propugnato dall’autoproclamato Stato Islamico. 

Leggi anche