Il presidio a Milano degli operatori della sanità: ‘Ci chiamavano eroi, vogliamo il giusto riconoscimento’

da Benedetta Maffioli
80 visualizzazioni

“Eroi dimenticati”.

Si sentono così gli operatori della sanità, infermieri e tecnici che in questi mesi di emergenza covid-19 hanno rischiato la vita in corsia e che ora chiedono, dopo le tante promesse che sono state fatte loro, dignità e diritti attraverso una valorizzazione economica e sociale per chi ha pagato il prezzo più alto durante la pandemia. 

La Fials, Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità, è così scesa oggi in piazza Lombardia, davanti al palazzo della regione per chiedere alle istituzioni una riqualificazione professionale ed economica degli operatori della sanità che in Italia hanno gli stipendi più bassi d’Europa

Durante il presidio, una delegazione è stata accolta dal nuovo Direttore Generale, Marco Trivelli, e dall’incontro è stato aperto un tavolo permanente per quanto riguarda gli aspetti occupazionali.

Leggi anche