Il coronavirus cancella in Lombardia 110 mila posti di lavoro

da Giusy Chiricò
40 visualizzazioni

Sono 110 mila i posti di lavoro persi in Lombardia nei primi sei mesi dell’anno a causa dell’effetto Covid-19. Lo rivela la Cisl regionale, secondo la quale si tratta di una “diminuzione rilevante, che non si verificava dalla crisi del 2009”. La particolarità è che interessa esclusivamente i lavoratori con contratto flessibile, a tempo determinato, in particolare del settore del commercio e dei servizi. È quanto emerge da una ricerca condotta per conto della Cisl, sulla base dei dati Istat e Unioncamere.

A sollevare preoccupazioni è anche il calo delle imprese lombarde: a fine giugno 2020, confrontato con l’anno precedente, il numero di imprese attive in Lombardia è calato di circa 5 mila unità dopo quattro anni di debole espansione.

Leggi anche