Covid, Moratti: ‘In Lombardia ancora nessun caso di variante indiana’

da Benedetta Maffioli
126 visualizzazioni

In Lombardia al momento non è stata individuata ancora nessuna variante indiana, è quanto emerge dai dati riportati dalla vice presidente e assessore al Welfare Letizia Moratti da Milano, che rispondendo ad un’interrogazione prestata dal Consigliere 5 stelle Gregorio Mammì, sui casi di varianti covid in regione, ha spiegato come in Lombardia, a oggi, non sia stata ancora sequenziata alcuna variante indiana del Covid-19”.

Segui tutti gli aggiornamenti nella nostra sezione: Cronaca Milano, con servizi video per la città di Milano e dintorni.

Moratti ha infatti spiegato che nei nei laboratori di riferimento regionale, da dicembre 2020 ad oggi, sono stati identificati: 5.423 casi di variante inglese, 33 di quella sudafricana, 50 di quella giappo-brasialiana, 34 di quella nigeriana, in più sono stati genotipizzati anche 185 casi definiti con la dicitura di ‘altra variante’ che – ha sottolineato la Moratti – per la Direzione generale Welfare “non sono d’interesse scientifico” e “all’interno della quale non risulta comunque quella indiana”.

La vicepresidente, infine, ha anche affermato che l’Italia è indietro con le genotipizzazioni delle varie varianti in circolazione rispetto agli altri paesi.  “Sarà mia cura – ha detto infatti Moratti – portare la questione in conferenza con gli altri assessori alla Salute per presentare poi una proposta in sede di conferenza Stato-Regioni per aumentare il sequenziamento così come viene fatto in altri Paesi”. 

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com