Trezzano, casa confiscata alla criminalità diventa centro per padri separati in difficoltà

da Stefano Galimberti
59 visualizzazioni

Nel bilancio di Trezzano sul Naviglio trova spazio anche l’assegnazione a centro per padri separati di un bene confiscato alla criminalità organizzata. Si tratta di una villetta in via Boccaccio, ultimo dei beni entrati sotto tutela del Comune dopo le confische. Il Sindaco Fabio Bottero, coordinatore regionale di Avviso Pubblico, rete di enti locali che concretamente si impegnano per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile, ha deciso di assegnarla all’accoglienza di padri separati dopo che nei recedenti casi si era posta l’attenzione ai bisogni di ragazzi autistici e ragazze madri. Per rendere utilizzabile la villetta il Comune ha messo sul tavolo 140 mila euro.

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com