Sgominata baby gang a Milano, rapine e botte ai minori: arrestati tre egiziani

da Chiara Antico
155 visualizzazioni

In un caso una delle vittime è stata scaraventata sui binari dal rapinatore ed è risucita a salvarsi solo grazie a un altro componente della baby gang, intervenuto prima che il treno la investisse.

Tre egiziani minorenni sono stati arrestati dalla polizia, responsabili di nove rapine nel 2019 ai danni di coetanei e sospettati di altrettante rapine, furti e altri eposodi criminali negli anni precedenti.

Agivano con efferata violenza, in zona Navigli, stazione di Porta Genova, Darsena, Colonne San Lorenzo. Presi di mira minorenni, per lo più connazionali, ma tra i rapinati c’è anche qualche italiano.

Il modus operandi era sempre lo stesso: accerchiavano le vittime, le minacciavano con cocci di bottiglie per qualche soldo e il telefonino. Nel caso di una reazione, le aggredivano anche fisicamente con cazzotti e ceffoni.

In un’occasione una delle vittime, aveva mandato anche una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per ringraziare la Polizia di Stato intervenuta per averlo aiutarlo dopo essere stato rapinato dal gruppo di egiziani

Cinque i componenti della baby gang, uno dei quali, unico maggiorenne, considerato leader del gruppo era già stato espulso dal Paese qualche settimana fa. Un altro è invece tutt’ora irreperibile, per questo solo in tre sono finiti in carcere. Uno di loro in realtà già era detenuto, arrestato per spaccio in zona Colonne di San Lorenzo.

Sono tutti ragazzi scappati o allontanati dall’ Egitto che una volta arrivati in Italia,  erano stati collocati in comunità in Sicilia e Calabria, dalle quali erano nuovamente fuggiti alla volta di Milano, dove da qualche tempo vivevano di espedienti criminali.

Dormivano in auto abbandonate nel deposito stazione Porta Genova.  Utilizzate in passato dai ferrovieri. Proprio da qui è partita l’indagine degli agenti del commissariato, che han scoperto come le vetture adibite a dormitori non erano state occupate da semplici fissa dimora ma da un gruppo di rapinatori.

 

Leggi anche