Vigevano, risse in centro: i protagonisti sono sempre gli stessi

da Paolo Barni
538 visualizzazioni

È durata solo un fine settimana la tregua della malamovida a Vigevano. Nella notte tra venerdì e sabato, infatti, un altro episodio violento è avvenuto in pieno centro davanti agli occhi di centinaia di passanti. A terra è rimasto un minorenne albanese, soccorso dal personale del 118. I suoi aggressori, però, sono stati subito acciuffati dalla polizia locale. L’episodio è avvenuto attorno all’una e mezza. In servizio c’erano due pattuglie con insegne, insieme a ad altre forze dell’ordine, e due agenti in borghese, che camminando tra la folla controllavano la situazione.

Ecco quindi, che, subito dopo la rissa, gli agenti in borghese hanno rincorso gli aggressori da piazza Sant’Ambrogio verso via Roma, riuscendo a fermarli: si tratta di un rumeno e di un italiano, entrambi minorenni ed entrambi denunciati per rissa. La zuffa è stata ripresa dalle telecamere di videosorveglianza: si vede chiaramente che, dopo alcuni spintoni, seguono pugni e schiaffi, finché l’albanese non viene colpito da un pugno più violento degli altri, che lo stende al tappeto.

Andando oltre la dinamica della rissa, dalle indagini della polizia locale si è potuto ricostruire l’intera vicenda. Si è così arrivati alla conclusione che tutti gli episodi violenti che si sono verificati nella Vigevano post-lockdown fanno capo al medesimo gruppetto di giovanissimi. Uno di loro in particolare sarebbe stato individuato come la figura chiave. Dalla devastazione dei tavolini dei bar di piazza Ducale, fino alle risse avvenute con cadenza puntuale quasi ogni venerdì notte, i protagonisti sono sempre gli stessi. Un fatto che sposta i termini del problema: più che di malamovida, infatti, si è di fronte a un ristretto gruppo di minorenni che tiene in scacco il centro storico.

L’ultimo episodio, secondo quando ha scoperto il nucleo operativo della polizia locale, è stato un vero e proprio regolamento di conti. Lo scorso martedì notte, il ragazzo albanese e alcuni suoi amici avrebbero picchiato il rumeno. Questi ha deciso di rendere la pariglia, e ha dato appuntamento al rivale per venerdì notte: una vendetta a base di botte che ha rovinato una serata che, fino a quel momento, era stata tranquilla.

Leggi anche