Pavia, continua la protesta dei facchini di Chignolo Po

da Ermanno Bidone
87 visualizzazioni

Ancora proteste alla logistica di Chignolo Po che movimenta i prodotti non alimentari per la catena Carrefour tramite il consorzio di cooperative Cisa. I lavoratori sono scesi in presidio prima fuori dai magazzini di Chignolo e poi hanno raggiunto Pavia, dove hanno inscenato la protesta di fronte a due luoghi simbolo, la sede della Prefettura e quella dell’Ispettorato del Lavoro, in via Indipendenza. Le rivendicazioni sono le stesse portate avanti nel corso dell’ultima protesta, quando gli operai avevano temporaneamente bloccato l’ipermercato del capoluogo: dall’inadeguatezza del trattamento economico alle sanzioni disciplinari, che il sindacato Usb ritiene ingiuste. ma che potrebbero, secondo quanto riferito, portare presto a una serie di licenziamenti. Ancora, lavoratori e sindacato stigmatizzano il passivo economico, si dice di 400mila euro, che avrebbe accumulato la cooperativa “070” in pochi mesi di attività, temendo evidentemente che in caso di chiusura sarebbero essi stessi a farne le spese in quanto soci-lavoratori

Leggi anche