Femminicidio a Pavia, il 28enne Alessio Nigro confessa: Lidia Peschechera l’ho uccisa io

da Ermanno Bidone
24 visualizzazioni

L’ha strangolata e lasciata nella vasca da bagno, vegliando il suo cadavere per 3 giorni prima di andarsene cercando un improbabile rifugio in un ostello a Milano. Il giallo dell’omicidio di Lidia Peschechera, la 49enne trovata morta nel suo appartamento Pavia, è durato meno di 24 ore da quando i vigili del fuoco, mercoledì pomeriggio, hanno fatto irruzione nella casa di via Depretis facendo la macabra scoperta.

Il suo assassino è un ragazzo a cui aveva voluto bene e di cui si fidava, tanto da averlo ospitato per un periodo e avergli dato le chiavi di casa, salvo poi averlo cacciato per i suoi modi violenti. Alessio Nigro, 28enne originario del Lodigiano ma di fatto senza fissa dimora, è stato rintracciato dai carabinieri e fermato alle prime ore di giovedì in un ostello di via Doria a Milano. Nelle tasche aveva un cellulare, dei soldi, delle carte di credito, i documenti e le chiavi dell’appartamento di Lidia a Pavia.

Secondo quanto ha ammesso, l’avrebbe strangolata nella vasca da bagno venerdì scorso, il 12 febbraio, al termine di un ennesimo litigio. Poi sarebbe rimasto in casa, con il corpo senza vita coperto da un asciugamano per tutto il week end di San Valentino. Usciva di tanto in tanto per prelevare soldi col bancomat della donna e inviava falsi messaggi al suo datore di lavoro, cercando di tranquillizzarlo. Lunedì, poi, se n’è andato, rifugiandosi nell’ostello di Milano dov’è stato in seguito arrestato.

Ma quei messaggi fasulli, invece di tranquillizzare il capo di Lidia, l’hanno insospettito, soprattutto dopo che si è accorto che lei non rispondeva al telefono. L’uomo allora ha deciso di andare a trovarla a casa insieme all’ex coniuge della donna. Nessuna risposta. La disgrazia che temevano fosse accaduta si è trasformata in realtà. Ora Alessio Nigro è in carcere, accusato di omicidio volontario aggravato. Di Lidia Peschechera, invece, rimane il ricordo delle persone care e dei molti che l’hanno conosciuta durante le mille battaglie in difesa degli animali e dei diritti umani.

Leggi anche

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com