Ozzero, a scuola ”di badile”. La riscoperta dell’arte dei maestri campari

scritto da: Stefano Galimberti | 17 Gennaio 2023

Come usare il badile? Non è una battuta, ma una delle iniziative meglio riuscite del Parco del Ticino che ha avuto luogo nelle campagne di Ozzero. Prosegue la testimonianza degli antichi saperi dell’agricoltura della Valle del Ticino. A Ozzero si è tenuto l’ultimo incontro del corso “Gestire il paesaggio di prati e acque: campari si diventa” organizzato da Politecnico di Milano, Cooperativa Cascina Biblioteca e Parco del Ticino. I “maestri campari” del Ticinohanno condotto i partecipanti alla scoperta della manualità del badile in marcita.


Undici “maestri campari” hanno spiegato come si regola l’acqua in marcita e, soprattutto, coinvolto i partecipanti in questa azione che da secoli si ripete nella pianura lombarda.
Oltre al significato simbolico che riveste il camparo, lavoratore guardiano delle acque, la giornata di mercoledì è stata l’occasione per riflettere sulla grave siccità del 2022 e soprattutto sul ruolo che la circolazione dell’acqua invernale e primaverile riveste per la ricarica delle falde.