Il lazzaretto di Vittuone, dove fu ritrovata la salma di Mike Bongiorno

scritto da: Stefano Galimberti | 10 Gennaio 2023

Eretta nel XVII secolo ed utilizzata durante la peste del 1630 come ricovero fuori paese dei malati contagiosi e ancora oggi si trova in un’area periferica del paese, immersa nel verde del Parco Agricolo Sud di Milano. E’ il lazzaretto di Vittuone.

La cappella esternamente è contraddistinta da una tipica struttura a capanna, con portale in legno e grata di ferro, completato sui fianchi da due finestrelle quadrangolari poste quasi a terra.

Sulla facciata si trova un affresco raffigurante San Carlo Borromeo che comunica un appestato prima che questi salga in cielo al cospetto di Dio, assistito in questo da altri santi tra cui si può riconoscere, sulla destra, San Rocco (patrono degli appestati) sulla sinistra molto deteriorato, il martirio di San Sebastiano. L’opera risalirebbe al XVII secolo, ma data la sua posizione esposta agli agenti atmosferici conobbe diversi rifacimenti, tra cui uno consistente datato al 1891 ed eseguito ad opera di Rodolfo Gambini.

La cappella è divenuta recentemente un forte luogo di devozione popolare ed è giunta addirittura alla curiosità dei media nazionali nel 2011 grazie al ritrovamento in loco della salma di Mike Bongiorno, trafugata dalla precedente sepoltura presso il cimitero di Dagnente.