Prevenzione vaccinale: l’esempio del vaccino contro l’Herpes Zoster

scritto da: Benedetta Maffioli | 21 Maggio 2024

Si chiama herpes Zoster ma tutti lo conosco meglio come fuoco di Sant’Antonio, unvirusche secondo gli ultimi dati oltre il 90 per cento degli adulti sopra i 50 anni avrebbe già contrattosenza sintomi, e solo uno su tre sviluppando il virus.

È ciò che è emerso dalla conferenza stampaa Palazzo Pirelli dal titolo, “Mantenersi in salute grazie alla prevenzione vaccinale dell’adulto: l’esempio del vaccino contro l’Herpes Zoster” promossa dalla Fondazione Longevitas con il patrocinio di Regione Lombardia e dell’Istituto Superiore di Sanità.

Dich

L’obiettivo della giornata promuovere la pratica vaccinale tra gli adulti, un gesto essenziale per garantire una popolazione più sana e attiva e, allo stesso tempo, un investimento su un futuro sostenibile per una società sempre più anziana.Necessaria così l’informazione e la comunicazione per raggiungere i cittadini con il messaggio della prevenzione.

Dich

Negli interventi è stato illustrato ilrapporto tra invecchiamento e prevenzione vaccinaledell’Herpes Zoster. In questo contesto la vaccinazione negli anziani, più sensibili alle malattieinfettive a causa di un indebolimento del sistema immunitario, ha un ruolo fondamentale per la prevenzione, il miglioramento della qualità della vita delle persone e il contenimento dei costi per il Servizio Sanitario Nazionale.

Un esempio di prevenzione,in particolare per gli over 65, è quello offerto dallavaccinazione contro l’Herpes Zoster, uno strumento sicuro ed efficace nel tempo per prevenire l’infezione e ridurre il rischio di complicanze.

Dich

Regione Lombardia offre gratuitamente il vaccino alle fasce di popolazione più a rischio rispetto a questo tipo di virus come diabetici, cardiopatici e immunodepressi.

Dich

Federico Romani –Presidente del Consiglio regionale Emanuele Monti -Presidente Commissione Sostenibilità SocialeEleonora Selvi-Presidente Fondazione Longevitas