Pontefici e diritti LGBT, la battaglia sul verde di Piazza VI Febbraio

scritto da: Giovanni Migone De Amicis | 22 Dicembre 2021


Piazza VI Febbraio è un luogo abbastanza anonimo. Alti palazzi su tre lati e il traffico di viale Boezio sul quarto. Oltre alle macchine che sfrecciano, si trova il Palazzo delle Scintille, oggi principale centro vaccinale di Milano, e le tre torri di CityLife. Ma la piazza in sé è oggi quasi un non luogo: le rotaie dei tram circondano l’area verde al centro della piazza, mentre le auto si parcheggiano dove riescono, rendendo poco piacevole la sosta nei giardini.


Le cose dovrebbero cambiare grazie a un annunciato progetto di restyling, ma il Municipio ha voluto cominciare con un’operazione toponomastica dall’altissimo valore simbolico. Un’iniziativa che ha generato una strana sfida che vede i diritti LGBT da un lato e tutti e 264 i pontefici mai eletti nella storia della chiesa.