Cisl Lombardia: Nel 2021 oltre 30 milioni recuperati con le vertenze

scritto da: Giusy Chiricò | 17 Maggio 2022

Sono pari ad oltre 30milioni di euro le risorse economiche recuperate nel 2021 a favore dei lavoratori, grazie all’attività degli Uffici vertenze della Cisl Lombardia. Oltre 7.300 i lavoratori seguiti l’anno scorso, tra vertenze (4.601) e procedure fallimentari (2.751). Sono solo alcuni numeri del report sull’attività 2021, a cura del coordinatore regionale Antonio Mastroberti.

Quanto alle tipologie di vertenze aperte nel 2021, a giocare la parte del leone è il recupero crediti, con 2647 casi, pari al 57,5% del totale. Seguono: le conciliazioni (632 casi), le opposizioni al licenziamento (553), il controllo delle buste paga (292), i contratti irregolari (157), risarcimento danni (134), i provvedimenti disciplinari (63), le violazioni di norme contrattuali (17). Le situazioni “varie” sono state 106.
Il settore che registra il contenzioso più alto rimane sempre quello dei servizi e del terziario, con 2253 vertenze (il 51%), a causa della tipologia di aziende, medio-piccole, e all’esigenza, dettata spesso da una concorrenza non regolata, di conciliare flessibilità e costo del lavoro.
Nell’ultimo anno, tra l’altro, il commercio online ha fortemente messo in discussione il commercio tradizionale, aprendo scenari nuovi da capire e intercettare. Seguono il settore metalmeccanico (861, il 19%), a fronte della presenza di numerose aziende artigiane, e a ruota l’edilizia (420, il 9%) ed i trasporti (369, l’8%). Infine, anche gli uffici Vertenze della Cisl Lombardia confermano il recente fenomeno dell’elevato ricorso alle dimissioni volontarie: oltre 8000 le pratiche effettuate nel 2021. Antonio Mastroberti – Coordinatore Uffici Vertenze Cisl Lombardia