Al Rubattino nasce la Magnifica Fabbrica della Scala

scritto da: Giovanni Migone De Amicis | 31 Maggio 2022

Un unico grande volume di luce, composto da una maglia modulare regolare, circondato dal verde e dai canali d’acqua del Parco della Lambretta e affiancato dal Palazzo di Cristallo, restaurato nelle sue strutture portanti e riconvertito in un giardino d’inverno, chiamato Fabbrica Verde della biodiversità.

È questo il progetto vincitore del Concorso internazionale ‘Magnifica Fabbrica’, indetto dal Comune di Milano, che ha permesso di colmare una lacuna che ormai segnava le cronache cittadine da tanti anni: Oggi, grazie ai disegni di un gruppo di architetti italo-spagnoli, il Teatro alla Scala potrà avere dei laboratori all’altezza della sua fama. La presentazione del nuovo complesso, che troverà casa al Rubattino, è avvenuta negli spazi degli attuali laboratori della Scala, in via Bergognone, in un ideale passaggio di consegne che, nell’arco dei prossimi anni, li porterà a est della città, nel cuore del quartiere Rubattino.

La Magnifica Fabbrica sarà un volume di legno e acciaio dalle linee pulite alto oltre 25 metri, per un totale di quasi 67mila metri quadrati di superficie. Quattro campate scandiranno il suo andamento, andando a costituire gli spazi in cui verranno riuniti tutti i laboratori, le sale prove, le sartorie e i depositi che un teatro come il Piermarini merita.

L’involucro utilizza policarbonato solido riciclato e la copertura avrà un impianto fotovoltaico di 3600 kw, rendendo l’edificio uno Zero Energy Building, oltre ad un sistema di geotermia a ciclo aperto che contribuirà alla depurazione delle acque di falda. Ma non solo lavoro. Perché la Magnifica fabbrica sarà anche visitabile dai non addetti ai lavori, grazie a un percorso sopraelevato a 8 metri d’altezza che permetterà a chiunque di accedere all’effettivo dietro le quinte del teatro più importante d’Italia.

L’altro elemento caratteristico sarà la cosiddetta piazza flottante, una struttura sopraelevata in legno che potrà ospitare eventi e celebrazioni legati alla programmazione culturale e che permetterà di scoprire dall’alto un meraviglioso giardino d’inverno Tutto intorno si svilupperà un rinnovato Parco della Lambretta, che vedrà raddoppiare la sua estensione arrivando a quasi 100mila mq, beneficiando dei 38 milioni di euro in arrivo grazie al Pnrr. Il primo atto dei lavori, i cui costi complessivi sono stimati in 120 milioni di euro, riguarderà l’ampliamento del Parco, con inizio previsto nel 2024. Per vedere tutto completo, servirà invece aspettare il 2026.